Quarantena!!! ???

Domestici al rientro delle vacanze: l’eventuale quarantena è da considerarsi permesso non retribuito

L’eventuale periodo di quarantena o isolamento fiduciario imposto al domestico che rientra in Italia dal Paese di origine dopo le vacanze estive non è da considerarsi lavorativo: ai fini della compilazione della busta paga dovrà quindi essere conteggiato come permesso non retribuito.

Ricordiamo alle famiglie che hanno alle proprie dipendenze colf, badanti e baby sitter di consultare sempre il portale dei viaggiatori del Ministero della Salute che fornisce le informazioni aggiornate sui singoli Stati e su come gestire i rientri, anche relativamente ai periodi di quarantena.