Quarantena!!! ???

Domestici al rientro delle vacanze: l’eventuale quarantena è da considerarsi permesso non retribuito

L’eventuale periodo di quarantena o isolamento fiduciario imposto al domestico che rientra in Italia dal Paese di origine dopo le vacanze estive non è da considerarsi lavorativo: ai fini della compilazione della busta paga dovrà quindi essere conteggiato come permesso non retribuito.

Ricordiamo alle famiglie che hanno alle proprie dipendenze colf, badanti e baby sitter di consultare sempre il portale dei viaggiatori del Ministero della Salute che fornisce le informazioni aggiornate sui singoli Stati e su come gestire i rientri, anche relativamente ai periodi di quarantena.

A tale proposito precisiamo che, anche qualora il rapporto di lavoro sia in regime di convivenza, l’eventuale quarantena non può essere svolta presso l’abitazione in cui risiede l’assistito, soprattutto quando in famiglia vive una persona fragile e quindi più esposta ai rischi del contagio. Il ricorso ad altre eventuali location private non deve essere a carico delle famiglie.


Per info

AssiColf Corso Dante 42/B 10126 Torino To www.assicolf.it ​Telefoni Tel: 011 0604564 Cell. 347 3145939

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti